Batterie ermetiche AGM: di cosa si tratta?

Le batterie ermetiche AGM (absorbent glass mat) sono una classe di accumulatori al piombo nelle quali l’elettrolita è assorbito dentro una matrice di sottili fibre di vetro.  La tecnologia AGM consente di immobilizzare l’acido rendendolo al contempo disponibile per le piastre e facendo sì che le reazioni tra l’acido e il materiale della piastra avvengano rapidamente.

Le batterie ermetiche AGM riscuotono sempre più consensi anche per la loro capacità di poter gestire una carica sia dall’alternatore dalla rete o dal pannello solare.

L’attenzione che bisogna porre a questa tipologia di batterie e la ricarica, non deve superare il voltaggio di 14,4. Assolutamente priva di esalazioni acide, è perfettamente in linea con le normative in vigore (cellule abitative, camper, nautica, etc.). Poiché le placche delle batterie ermetiche AGM sono molto compatte, la resistenza alle vibrazioni risulta migliore rispetto alle batterie standard. Inoltre, l’autoscarica delle batterie AGM è molto bassa (inferiore al 3% al mese), ma soprattutto, essendo costruita in modo tale da non poter essere aperta, la batteria AGM è a prova di perdite ed esente da manutenzione.

Le modalità di carica (tensioni e correnti) per la maggior parte delle batterie ermetiche AGM sono le stesse di una batteria di tipo standard (a parità di tensione e capacità nominale), quindi non è necessario ricorrere a caricatori o regolatori appositi. La resistenza interna è estremamente bassa e non vi è quasi nessun riscaldamento della batteria, nemmeno con elevate correnti di carica o scarica. Le batterie ermetiche AGM hanno un tasso di autoscarica molto basso (da 1% a 3% al mese). Una batteria AGM può essere conservata per un lungo periodo di tempo (tipicamente fino a 6 mesi) senza ricarica. Le modalità di assemblaggio delle piastre AGM rendono questo tipo di batteria in grado di resistere a urti e vibrazioni meglio di qualsiasi batteria standard.